Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

SILENZIO E GRATITUDINE

Tanto clamore sui media per l’” epidemia “di polmonite. Ed è giusto che sia così. Si tratta di una situazione senza precedenti a livello nazionale per la numerosità dei pazienti e l’incertezza dell’origine.

Cronache, ipotesi, bollettino quotidiano del crescere o decrescere dei casi; ancora del tutto giusto. La popolazione deve essere informata ed è anche segno di vicinanza ai pazienti ed ai loro cari.

Medici di medicina generale, Pronto Soccorso, reparti di degenza, radiologie, dirigenti, strutture epidemiologiche e di analisi sottoposti ad un improvviso eccezionale carico di lavoro.

Gli orari si dilatano, gli impegni personali diventano, quasi naturalmente, secondari.

 

Uomini e donne, medici, infermieri, personale ausiliario, tecnici e tanti altri hanno risposto con l’impegno che è dovere, mantenendo fede a un contratto, alto, costituzionale: curare ogni “individuo” per una sola ragione, perché sta male.

In silenzio.

E non vi è miglior modo di ricordare che quaranta anni fa veniva promulgata la legge istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale che a questi principi si ispirava e, speriamo, continui ad ispirarsi.

In silenzio, grazie.


Ottavio Di Stefano