Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

INPS SEDE DI BRESCIA. MANCATO INVIO TELEMATICO DEI CERTIFICATI MEDICI PER TBC

Si pubblica la nota in oggetto pervenuta dall'INPS sede di Brescia

 

Gentile Presidente,
come è noto, Il decreto n. 78 del 31 maggio 2010, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. (Determinazioni presidenziali n. 75 del 30 luglio 2010 “Estensione e potenziamento dei servizi telematici offerti dall’Inps ai cittadini” e n. 277 del 24 giugno 20/11 “Istanze e servizi – Presentazione telematica in via esclusiva – decorrenze”. Modalità di presentazione telematica delle domande di assistenza per cure antitubercolari.), ha demandato all’INPS la definizione delle modalità di trasmissione telematica del certificato medico per riconoscere i benefici per la TBC, da attuarsi mediante l’utilizzo dei servizi resi disponibili dall'Istituto stesso.

Con circolare n. 147 del 08/08/2016 l’Inps ha precisato le modalità e i criteri per la trasmissione dei certificati di che trattasi, fissando al 01/01/2017 il termine ultimo per la fase transitoria.
Tale inadempienza comporta da un lato un ingiustificato aggravio dell’attività dell’Istituto, che potrebbe prefigurare a carico di chi lo determina possibili profili di responsabilità erariale; e, dall’altro, per il momento un ritardo nella definizione dell’iter amministrativo della domanda, che potrebbe trasformarsi addirittura nel diniego della prestazione: tutto ciò con conseguente penalizzazione dei cittadini interessati rispetto a quelli assistiti da medici che operano nel pieno rispetto della normativa dettata dal Codice dell’Amministrazione Digitale.
Si confida nella consueta collaborazione.
Cordiali saluti

Mauro Saviano
Direttore Provinciale INPS Brescia