Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

BUON ANNO 2019

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del Dottor Michele Musmeci, Presidente dell'Associazione Amici della Medicina di Laboratorio (AMeLab)

Il Presidente: Dott. Ottavio Di Stefano

BUON ANNO 2019

Desenzano 27 dicembre 2018

Carissimi,
in questo periodo di fine dicembre viviamo come nostro costume il clima natalizio che, fin dai miei ricordi d’infanzia, si caratterizzava per la gioiosa riunione pacificatrice di tutta la famiglia: tutti tornavano nella casa paterna, mettendo da parte eventuali screzi e dissapori.

Oggi la globalizzazione ci ha portato costumi nuovi, tipo Halloween o altre ricorrenze. Rischiamo di perdere le nostre tradizioni: la festa dei morti, la cultura del presepe, la spiritualità del Natale!

Alimentando nelle giovani generazioni le varie attese per altre ricorrenze e con sempre più regali sotto l’albero o nella calza della befana, il mondo adulto tende a soddisfare la propria individualità  consumando più del proprio reale bisogno e non si rende conto che, spesso, l’attenzione, l’esempio, un sorriso, per chi ci sta vicino , valgono più di un regalo, anche se costoso.  

La realtà ci mostra città inondate da montagne di rifiuti, frutto dello spreco. Lo spreco alimentare, fra l’altro, risulta un inaccettabile paradosso del nostro tempo: mentre al mondo vi è ancora un miliardo di persone che soffre la fame, sprechiamo ogni anno circa un terzo del cibo prodotto, di cui l’80% potrebbe essere ancora consumabile; di contro ben più di un miliardo sono le persone obese o in sovrappeso. Il vero nodo da sciogliere sta nell’ambito culturale generale: nelle aziende , nelle amministrazioni, nelle scuole, nella famiglia! Dobbiamo investire risorse per la promozione di una corretta cultura della nutrizione , della tutela dell’ambiente e della riduzione dei rifiuti. A tal fine bisogna dare grande visibilità a tutte quelle iniziative e buone pratiche di prevenzione degli sprechi adottate, sia da soggetti pubblici che privati, in modo da favorirne la  diffusione sul territorio. Sui binari di una corretta salvaguardia dell’ambiente, della utile formazione ed educazione professionale,  di una agricoltura sostenibile si muove anche il progetto “Maison de Paix” di  S.F.E.R.A. Onlus di Brescia , che nella Repubblica Democratica del Congo sta costruendo a Kikwit  un Centro Formativo Polifunzionale e di promozione umana, contenente varie strutture per la formazione professionale nel settore agro-alimentare, officina meccanica, scuola di taglio e cucito e altri indirizzi. Anche noi di  AMeLab , nell’espletare la nostra attività di Associazione di promozione sociale, ci siamo impegnati in questo progetto nell’offrire quanto possibile delle nostre esperienze e competenze per la parte sanitaria. 

Va a tutti l’augurio che in questo nuovo anno 2019 potremo trovare degli squarci di luce nel nostro vivere quotidiano, che ci possano illuminare per aiutare il prossimo, anche solo cercando di limitare il superfluo, tenendo a mente quanto detto da S.Agostino nelle sue Enarrationes in psalmos : “Il tuo superfluo è il necessario dei poveri”.

 

Bene augurando,   un caro saluto Michele Musmeci
Presidente AMeLab